Associazione Cacciatori Veneti

Mondo venatorio

Associazione venatoria italiana

Associazione Cacciatori Veneti Cani e Caccia

Caccia e pesca

Fucili doppiette sovrapposti

Associazione Regionale Provinciale Ultime Notizie Newsletter Notiziario Veneto Caccia Comunicati Stampa Leggi e Delibere Sentenze Stampati

FORUM ACVDiscussioni di carattere generale › Si PUO????

Nuova discussione Rispondi
Autore Discussione

Pigna85
8 messaggi

Provenienza:
VERONA
 

Msg privato

Si PUO????
Questo è quello che si legge su un sito di caccia, scritto dal'' assessore ......, in merito all'' incontro di ieri...
Mi chiedo come non si possa far nulla per bloccare le CAZZATE che scrive questa sottospecie di A.......e!!!
Leggete Tutti:


SCRIVE l'' ASSESSORE...
“L’incontro che ho fortemente voluto con Associazioni venatorie, Provincie e Presidenti degli Ambiti Territoriali di Caccia si è svolto all’insegna di una piena condivisione sui principali problemi da risolvere e di una volontà chiara di unire gli sforzi respingendo posizioni di mera speculazione. Farò di tutto affinchè da queste positive premesse possano scaturire molti frutti positivi”.

Così l’Assessore alla Caccia della Regione del Veneto commenta gli esiti del meeting sull’applicazione delle normative venatorie sul territorio svoltosi in Regione, al quale hanno preso parte numerosi rappresentanti del mondo venatorio e di quello istituzionale, con all’ordine del giorno argomenti “sensibili” quali calendario venatorio, caccia in deroga, appostamenti, pianificazione.

“La Regione non ha alcuna responsabilità se i propri atti vengono sistematicamente impugnati dagli ambientalisti – ha detto l’assessore – anzi, visti gli esiti dei ricorsi sul calendario venatorio tutti a noi favorevoli, si deve riconoscere che si è ben operato. E’ indubbio che i vincoli restrittivi imposti dall’Unione Europea, ove i nostri Europarlamentari debbono farsi sentire per sostenere le sacrosante aspettative dei nostri cacciatori, creano non pochi problemi: doversi ogni volta difendere al TAR porta via tempo, denaro ed energie, togliendo serenità al corretto svolgimento della stagione venatoria.”.

“Nel corso dell’incontro – aggiunge l’assessore – è emerso un grande senso di responsabilità da parte delle associazioni venatorie nazionali, le uniche in grado di farsi carico di un percorso culturale che superi localismi, fratture, speculazioni. Dobbiamo puntare a far valere su base tecnico-scientifica le nostre ragioni, moltiplicando gli sforzi per acquisire ogni necessario supporto scientifico”.

“Per tanti anni – ha aggiunto – qualcuno ha pensato di risolvere i problemi facendo manifestazioni e alzando la voce, ma così non si otteneva altro che aumentare la distanza tra cacciatori e intera collettività, spesso influenzata dalle ossessioni ambientaliste. Si doveva dare un’immagine diversa del cacciatore, che ha certo diritto di fare carniere, ma che ambisce soprattutto a veder riconosciuta la propria capacità di assecondare uno sviluppo sostenibile degli ambienti in cui esercita la propria attività, rendendosi credibile, per capacità gestionale e serietà, agli occhi di tutte le componenti sociali”. Le Associazioni venatorie nazionali hanno dimostrato, nel corso dell’incontro, che si può lavorare in modo diverso e che lo sforzo di condivisione delle decisioni e delle strategie, messo in campo dalla Regione in questi ultimi anni, va nella direzione giusta.

“Promuovere ricerca, questo sì è un imperativo assoluto” sottolinea l’assessore. “Purtroppo – conclude – l’inversione dell’onere della prova comporta che si debba dimostrare la sostenibilità della caccia nelle sue varie espressioni. E se l’ISPRA non può o non vuole aiutare le Regioni nel perseguire la difesa delle tradizioni venatorie in un contesto di sostenibilità tecnico-scientifica, allora dovremo farcene carico noi, tutti assieme. Su questi temi tornerò a confrontarmi con il territorio già a partire dalle prossime settimane, nel corso delle quali organizzerò una serie di incontri a livello provinciale per acquisire osservazioni, critiche e proposte da parte dei Comprensori Alpini.”

(AVN) Venezia, 11 gennaio 2013

Non riesco a capacitarmi di quello che leggo!!!



__________
Pignalosa Vincenzo

Postato il : 12/01/2013 00:05:43 

foxfire
43 messaggi

Provenienza:
vicenza
 

Msg privato Website


Dobbiamo annullarlo mediaticamente.Non può essere che questo individuo e i suoi degni compari rappresentino i Cacciatori nel Veneto
__________
foxfire

Postato il : 11/01/2013 19:30:37 

Bekea
168 messaggi

Provenienza:
quinto
 

Msg privato


x firefox, hai perfettamente ragione,e per questo che non dobbiamo restare chiusi solo sul nostro sito. Dobbiamo farci sentire e scrivere su tutti i siti dedicati alla caccia e ai cacciatori, dobbiamo far conoscere come viene amministrata la caccia da questi incapaci di federelega. Da quello che leggo su questi siti siamo molto pochi a intervenire.Dobbiamo far ricredere chi come cacciatore ha votato questi cialtroni.stival deve capire che è, assieme alla fidc, una minoranza rispetto al resto dei cacciatori del Veneto, e che il suo consenso elettorale è pari a zero.E che qell''impomatato di brillantina di Zaia è colpevole altrettanto,per aver messo un incapace a fare l''assessore,in una materia così complicata e tecnica come la caccia.
__________
Bekea

Postato il : 12/01/2013 00:05:43 
 

Precedente « [ 1 ] » Successivo

Nuova discussione Rispondi

 

New PostsNuovi Messaggi No New Posts Nessun Nuovo Messaggio Forum Locked Forum bloccato Password Protected Protetto da Password

 

 
TESSERAMENTO 2019
Mercatino
Iscriviti alla NewsLetter
ACV Forum
Le ricette del carniere
ACV Gallery FOTO e VIDEO
Cerca Nel Sito
Mappa Del Sito
Links Utili

 

Visita i siti di:
Sergio Berlato





 
Associazione Cacciatori Veneti
Via Francesco Foscari, 8 - 36016 Thiene (Vicenza) - P. Iva 93001850242
Tel. 0445 367864   Fax. 0445 379119   info@associazionecacciatoriveneti.it  |  Cookies Policy
Created by
WildWeb