Associazione Cacciatori Veneti

Mondo venatorio

Associazione venatoria italiana

Associazione Cacciatori Veneti Cani e Caccia

Caccia e pesca

Fucili doppiette sovrapposti

Associazione Regionale Provinciale Ultime Notizie Newsletter Notiziario Veneto Caccia Comunicati Stampa Leggi e Delibere Sentenze Stampati

FORUM ACVDiscussioni di carattere generale › Può essere un reato penale?

Nuova discussione Rispondi
Autore Discussione

guest
No messaggi

Provenienza:

 


Può essere un reato penale?
Buonasera
Ho appena sentito, da alcuni amici cacciatori, che il Corpo Forestale di Vicenza, sta considerando un reato penale e non amministrativo, l''abbattimento anche di un solo fringillide.
Può essere possibile???

Postato il : 23/10/2012 15:26:29 

pecosbill
49 messaggi

Provenienza:
Vicenza
 

Msg privato


ho sentito dire che la Polizia Provinciale di Verona applica questa norma, io non la trovo corretta. Sulla legge 157/92 c''è scritto chiaramente fino a 5 fringilidi sanzione amministrativa, vuoi che qualche magistrato del veronese l''abbia interpretata in modo diverso? Con questa situazione vorrei dire che finora a Vicenza ce la passiamo meglio.
__________

Postato il : 10/10/2012 09:48:11 

45livio
97 messaggi

Provenienza:

 

Msg privato


206 euro se : abbattimento di numero di fringillidi non superiore a 5 di specie presenti sul piano venatorio quinquennale ma oggetto di deroga annuale, che tutt''ora non è attiva, quindi quelle specie non scritte sul calendario venatorio ma quelle oggetto di deroga,, art 2 c. 1 della legge 157. se la deroga non è aperta e superi i 5 pz allora diventa penale.
mentre se abbatti fringillidi non presenti sul piano faunistico ( comunque in questo caso la deroga non è mai attiva) allora è ,, dico è,, sempre penale,, articolo 18 legge 157
__________

Postato il : 14/10/2012 18:40:22 

eltega
189 messaggi

Provenienza:

 

Msg privato


Sulle colline di Valdagno è stato già considerato penale l''abbattimento di un finco.

__________
El Tega

Postato il : 14/10/2012 18:43:56 

eltega
189 messaggi

Provenienza:

 

Msg privato


L''uccisione anche di un solo fringillide è violazione penale: la Cassazione conferma

La Corte di Cassazione ribadisce che l''uccisione di anche di un solo fringillide costituisce reato di caccia di specie vietata (art. 30, primo comma.lett. h) della legge 157/92) . Non occorre più, per i fringillidi, che siano abbattuti almeno sei esemplari, essendo fringuello e peppola, originariamente cacciabili, poi esclusi dalla fine del 1993 dal novero delle specie ammesse all''attività venatoria. La sentenze 5035/2012 della 3° sez. pen. della Cassazione resta nel solco dell''innovazione giurisprudenziale già delineata con la sentenzza 11111 del 2006 (28/03/12)

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, Sez.3^, 9 febbraio 2012, Sentenza n. 5035

DIRITTO VENATORIO - CACCIA - Cattura, abbattimento o detenzione di fringuelli - Divieto assoluto di caccia - Reato ex art.30 c.1, lett. h) L. 157/92 - Specie non cacciabile e D.P.C.M. 22/11/1993.

La cattura, l''abbattimento o la detenzione anche di un solo esemplare di volatile appartenente alla famiglia dei fringillidi configura il reato di violazione del divieto assoluto di caccia in qualsiasi periodo dell''anno, in quanto detta famiglia di volatili e'' stata esclusa dall''elenco delle specie cacciabili dal D.P.C.M. 22 novembre 1993, che ha attuato, ai sensi della Legge 11 febbraio 1992, n. 157, articolo 18, comma 3, le modifiche intervenute in ambito comunitario relativamente all''elenco delle specie cacciabili, (Cass. sez. 3, 1.12.2005 n. 11111 del 2006, Pelamatti; Cass. sez. 3, 27.5.2010 n. 23931, Fatti). Tuttavia, ai sensi della Legge n. 157 del 1992, articolo 19 bis, le regioni possono emanare disposizioni che derogano al divieto di caccia di determinate specie nei limiti e con l''osservanza delle prescrizioni previste dalla norma, ma che in difetto di norme derogatorie regionali il fatto integra l''ipotesi di reato di cui alla Legge n. 157 del 1992, articolo 30, comma 1, lettera h)(Cass. sez. F. 2.9.2008 n. 36846, Ghidini).

(annulla con rinvio sentenza del Tribunale di Grosseto dell''1.4.2011) Pres. Teresi, Rel. Lombardi

REPUBBLICA ITALIANA
IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE
SEZIONE TERZA PENALE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. TERESI Alfredo - Presidente
Dott. LOMBARDI Alfredo M. - Consigliere Rel.
Dott. FIALE Aldo - Consigliere
Dott. RAMACCI Luca - Consigliere
Dott. ANDRONIO Alessandro - Consigliere

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

- sul ricorso proposto dal Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Grosseto;
- avverso la sentenza del Tribunale di Grosseto in data 1.4.2011, con la quale La. An. , n. a (...ad...) e'' stato assolto dal reato di cui alla Legge n. 157 del 1992, articolo 30, comma 1, lettera h), perche'' il fatto non e'' previsto dalla legge come reato.
- visti gli atti, la sentenza denunziata ed il ricorso;
- udita in pubblica udienza la relazione del Consigliere Dott. Alfredo Maria Lombardi;
- udito il P.M., in persona del Sost. Procuratore Generale Dott. Volpe Giuseppe, che ha concluso per l''annullamento della sentenza con rinvio.

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con la sentenza impugnata il Tribunale di Grosseto ha assolto, perche'' il fatto non e'' previsto dalla legge come reato, La. An. dall''imputazione di cui alla Legge n. 1157 del 1992, articolo 30, comma 1, lettera h), a lui ascritta per avere abbattuto tre fringuelli, specie nei cui confronti la caccia non e'' consentita.

Il giudice di merito ha affermato che per integrare la fattispecie di reato di cui alla disposizione citata occorre che sia posto in essere l''abbattimento di uccelli appartenenti alla specie dei fringuelli in numero superiore a cinque, a nulla rilevando che il D.P.C.M. 22 novembre 1993 abbia eliminato le specie dei fringuelli e delle pepole dall''elenco delle specie cacciabili.

Avverso la sentenza ha proposto ricorso il Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Grosseto, che la denuncia per violazione di legge.

MOTIVI DELLA DECISIONE

Con un unico mezzo di annullamento la pubblica accusa ricorrente denuncia la violazione ed errata applicazione della Legge n. 157 del 1992, articolo 30, comma 1, lettera h).

Si osserva che il citato D.P.C.M. 22 novembre 1993 ha escluso i fringillidi dall''elenco delle specie cacciabili contenuto nella Legge n. 157 del 1992, articolo 18, con la conseguenza che la cattura o l''abbattimento anche di un solo esemplare di uccello appartenente a detta specie integra il reato di cui alla citata Legge, articolo 30, comma 1, lettera h).

Si aggiunge che il limite quantitativo di cinque esemplari della specie protetta, ai fini della configurabilita'' del reato, trova applicazione solo in presenza di norme derogatorie regionali, che nel caso della Regione Toscana non sono state adottate per l''anno in cui e'' avvenuto il fatto.

Il ricorso e'' fondato.

E'' stato gia'' reiteratamente affermato da questa Suprema Corte che la cattura, l''abbattimento o la detenzione anche di un solo esemplare di volatile appartenente alla famiglia dei fringillidi configura il reato di violazione del divieto assoluto di caccia in qualsiasi periodo dell''anno, in quanto detta famiglia di volatili e'' stata esclusa dall''elenco delle specie cacciabili dal D.P.C.M. 22 novembre 1993, che ha attuato, ai sensi della Legge 11 febbraio 1992, n. 157, articolo 18, comma 3, le modifiche intervenute in ambito comunitario relativamente all''elenco delle specie cacciabili, (sez. 3, 1.12.2005 n. 11111 del 2006, Pelamatti, RV 233668; sez. 3, 27.5.2010 n. 23931, Fatti, RV 247798).

E'' stato inoltre precisato da questa Corte che, ai sensi della Legge n. 157 del 1992, articolo 19 bis, le regioni possono emanare disposizioni che derogano al divieto di caccia di determinate specie nei limiti e con l''osservanza delle prescrizioni previste dalla norma, ma che in difetto di norme derogatorie regionali il fatto integra l''ipotesi di reato di cui alla Legge n. 157 del 1992, articolo 30, comma 1, lettera h).(sez. 3, 27.5.2010 n. 23931, Fatti, RV 247798; sez. F. 2.9.2008 n. 36846, Ghidini, RV 241270).

La sentenza impugnata, pertanto, deve essere annullata con rinvio per un nuovo esame che tenga conto dell''enunciato principio di diritto.

P.Q.M.

La Corte annulla la sentenza impugnata con rinvio al Tribunale di Grosseto.
__________
El Tega

Postato il : 15/10/2012 07:50:13 

Baghy
305 messaggi

Provenienza:

 

Msg privato


Per la verità non è reato penale l''abbattimento di un fringillide (ricordo che i fringillidi sono 14) ma lo è se si abbatte un FRINGUELLO O UNA PEPPOLA. Baghy
__________
Baghy

Postato il : 15/10/2012 12:12:48 

eltega
189 messaggi

Provenienza:

 

Msg privato


A beh, questo è interessante...ghe pensi mi!

__________
El Tega

Postato il : 15/10/2012 20:53:22 

nicola91
54 messaggi

Provenienza:
schio
 

Msg privato


ma che dite prendi i soliti 200e passa euro!presi da un mio amico l''altro giorno per 2 fringuelli!
__________
nicola91

Postato il : 16/10/2012 12:18:03 

gianni6
94 messaggi

Provenienza:
thiene
 

Msg privato Website


ma se non ho capito male questa sentenza dice che è penale dal 1° finco non dal quinto per favore datemi delle delucidazioni non si sto a capire più niente adesso interpretano le leggi a loro piacimento
__________

Postato il : 16/10/2012 12:19:33 

CinCin
5 messaggi

Provenienza:
Vicenza
 

Msg privato


http://www.ilgiornaledivicenza.it/stories/Regione/424090_caccia_per_chi_spara_a_specie_protette_scatta_una_denuncia_penale/

Ecco l''articolo chiarificatore...
Complimenti a San Renzo Rizzi per il lavoro svolto..e per quello che senza dubbio svolgerà.....................................
__________

Postato il : 23/10/2012 15:26:29 
 

Precedente « [ 1 ] » Successivo

Nuova discussione Rispondi

 

New PostsNuovi Messaggi No New Posts Nessun Nuovo Messaggio Forum Locked Forum bloccato Password Protected Protetto da Password

 

 
TESSERAMENTO 2019
Mercatino
Iscriviti alla NewsLetter
ACV Forum
Le ricette del carniere
ACV Gallery FOTO e VIDEO
Cerca Nel Sito
Mappa Del Sito
Links Utili

 

Visita i siti di:
Sergio Berlato





 
Associazione Cacciatori Veneti
Via Francesco Foscari, 8 - 36016 Thiene (Vicenza) - P. Iva 93001850242
Tel. 0445 367864   Fax. 0445 379119   info@associazionecacciatoriveneti.it  |  Cookies Policy
Created by
WildWeb